Il prodotto Vitaminity DHT Blocker Complex è senza dubbio un validissimo integratore alimentare per chi cerca alternative non farmacologiche, e quindi totalmente naturali, per inibire l’enzima 5-alfa reduttasi al fine di ridurre la conversione del testosterone in DHT.

Come già abbondantemente spiegato nei molteplici articoli del nostro sito, il DHT (o diidrotestosterone) è la principale causa della miniaturizzazione follicolare che caratterizza chi soffre di alopecia androgenetica.

Pertanto se vuoi cercare di contrastare la calvizie, agire su questo ormone è la prima cosa da fare.

Utile anche per la Prostata

Data la tematica di questo sito, mi sentirai parlare sostanzialmente di alopecia androgenetica (e penso sia il motivo per cui anche tu sei arrivato su questa pagina 😉 ), ma, come tutti i prodotti che vanno a ridurre la quantità di diidrotestosterone, DHT Blocker Complex può essere utilissimo anche nel combattere i sintomi di ipertrofia prostatica benigna (IPB) e disturbi a carattere infiammatorio dell’apparato urinario ad essa associati.

Infatti, come vedrai in seguito contiene sostanze come serenoa repens presenti in moltissimi prodotti venduti per la salute della prostata.

Prodotto in Italia

DHT Blocker Complex fa parte della linea di integratori a marchio Vitaminity prodotti dall’azienda bergamasca Wilco e dalla stessa commercializzati tramite il loro shop online HairShopEurope.

Devo confessare che trovo molto interessanti tutti i loro prodotti poiché hanno alla base una costante ricerca e innovazione nelle formulazioni unita alla qualità estrema degli ingredienti utilizzati. Tutto questo con un occhio di riguardo al prezzo per il cliente finale dato che, non essendo distribuiti nelle farmacia ma disponibili esclusivamente online, vengono eliminati tutti i costi legati ai vari passaggi della rete di vendita.

Vitaminity DHT Blocker Complex Composizione

Di seguito l’elenco degli ingredienti con relativi dosaggi da assumere giornalmente:

Quantitativi per dose massima giornaliera consigliata (2 compresse): 

Serenoa Repens (Serenoa repens W. Bartram Small, fructus) estratto secco

titolato al 45% in acidi grassi

*Equivalenti a 320mg di estratto liposolubile titolato al 90% in acidi grassi

640 mg*

288 mg

Pygeum africanum (Pygeum africanum Hook. f., cortex) estratto secco

titolato al 10% in fitosteroli

250 mg

25 mg

Ortica (Urtica dioica L., radix) radice estratto secco

titolato allo 0,8% in betasitosterolo

250 mg

2mg

Thè verde (Camellia sinensis L. Kuntze, folium) estratto secco

titolato al 98% in polifenoli totali

titolato al 40% in epigallocatechinagallato (EGCG)

200 mg

196 mg

80 mg

L-Cisteina200 mg

Isoflavoni di soia miscela

titolati al 40% in isoflavoni totali

160 mg

64 mg

Betasitosterolo100 mg

Uva (Vitis vinifera L., semen) semi estratto secco

titolato al 95% in proantocianidine (OPC)

100 mg

95 mg

Licopene3 mg
Astaxantina2 mg

Ed ora una descrizione delle peculiarità di tali principi attivi e la loro utilità sia per AGA che per IPB. Cercherò di essere sintetico per non appesantire troppo la lettura dell’articolo, però se desideri approfondire ti rimando al sito del produttore dove troverai tutte le informazioni che cerchi.

Serenoa Repens

Dalla tabella sopra puoi vedere come questo sia il principale ingrediente di Vitaminity DHT Blocker Complex ed è sottoforma di estratto secco titolato al 45% ma su 640 mg, quindi la quantità di acidi grassi è la medesima dell’estratto liposolubile titolato al 90% (su 320 mg). Tale estratto, ricavato dalla palma nana (saw palmetto), ad oggi il principio attivo naturale con azione anti DHT comprovata da studi e se desideri approfondire ti invito a consultare il nostro articolo sulla serenoa

Pygeum Africanum

Si tratta del prugno africano, una pianta sempre verde nota fin dall’antichità ai popoli locali per la sua capacità di alleviare problematiche di infiammazioni alla prostata e alle vie urinarie. I principi attivi vengono estratti dalla corteccia e sono similari a quelli del saw palmetto citato sopra, ossia: acidi grassi e vari steroli vegetali tra cui spicca il betasitosterolo .

Il betasitosterolo è presente in concentrazione più alta rispetto a serenoa ed è alla base dell’ azione antiandrogena del Pygeum. Diversi studi 1 ne hanno confermato l’efficacia nel regolarizzare il flusso urinario e ridurre lo stato infiammatorio negli individui soggetti ad ipertrofia prostatica .Se sei lettore di questo sito, o sei informato sull’alopecia androgenetica, avrai notato che tutti i farmaci utilizzati per ipb (finasteride e dutasteride), cosi come i prodotti naturali usati per lo stesso scopo (vedi serenoa repens), si sono dimostrati validi anche per contrastare la calvizie… dunque, sulla base di ciò, è facile dedurre che anche il Pygeum Africanum possa essere utile in tal senso.

Radice di Ortica

In ambito erboristico sono probabilmente più conosciute le foglie di ortica note per le loro proprietà drenanti e antinfiammatorie. Vitaminity DHT Blocker contiene invece estratto secco della radice di ortica che, oltre a conservare alcune prerogative delle foglie, ha dimostrato capacità di contrastare l’ipertrofia prostatica benigna

Alcuni studi 2 effettuati in vitro hanno infatti evidenziato come l’estratto possa legare ai recettori SHBG presenti sulla prostata occupandoli. Inoltre è stata accertata un’azione inibitoria nei confronti dell’enzima aromatasi che regola la conversione degli androgeni in estrogeni.

The Verde

In particolare qui è contenuto sotto forma di estratto secco titolato al 98% in polifenoli totali e 40% in epigallocatechinagallato (EGCG). Quest’ultima è una catechina ed è la sostanza alla base delle principali proprietà benefiche del the verde riguardanti sostanzialmente le capacità antiossidanti che proteggono l’organismo dal danno cellulare causato dai radicali liberi

EGCG è inoltre in grado di inibire l’ormai ben noto enzima 5 alfa reduttasi, ma più in particolare l’isoforma 1 presente anche nelle ghiandole sebacee e quindi può contribuire a ridurre l’eccesso di untuosità che spesso è collegata a problematiche tricologiche.

L-Cisteina

<E’ un’amminoacido solforato che interviene nel processo di cheratinizzazione ed è quindi indispensabile per una corretta crescita di capelli e unghie

Isoflavoni della Soia

La miscela utilizzata in questo integratore è titolata al 40% in fitoestrogeni, ossia sostanze naturali che nel nostro organismo si comportano come blandi estrogeni e quindi contrastano l’eccesso di testosterone. In particolare uno di essi, la dadzeina, una volta metabolizzata a livello intestinale, si converte in equolo. Tale sostanza è in grado di occupare i recettori follicolari del DHT annullandone l’attività, come dimostrato in uno studio 3 dell’Univesità della California.

Estratto secco di Semi d’Uva

Questo ingrediente è titolato al 95% di proantocianidine oligomeriche (note anche come OPC) e appartenenti alla famiglia dei bioflavonoidi. Hanno forti proprietà antiossidanti e vaso protettive

Licopene

Anche questo è un antiossidante e fa parte dei carotenoidi. Non può essere prodotto dall’organismo umano e per tanto può essere assunto solo tramite alimentazione.

Sembra avere anche una blanda azione inibitoria della alfa 5 reduttasi e pertanto è presente nella formulazione di molti integratori per la salute della prostata.

Astaxantina

Anche qui non staremo ad approfondire le innumerevoli proprietà benefiche che l’astaxantina sul nostro organismo (è utile per stati infiammatori, sistema immunitario e diabete), ma ci concentreremo sulle proprietà anti androgene dimostrate da vari studi 4. Come puoi vedere dagli studi linkati, questo composto si è rivelato utile nelle patologie prostatiche e sembra essere in grado di incrementare l’efficacia della serenoa repens.

Modalità di assunzione

Il dosaggio ottimale è di 2 compresse al giorno da assumere quando preferite. Non ha importanza l’orario o l’assunzione a stomaco pieno. Personalmente ritengo valido assumere una compressa al mattino e una nel tardo pomeriggio per dare un’azione maggiormente spalmata nell’arco della giornata.

Ottimo rapporto qualità/prezzo

Come accennato a inizio articolo, l’azienda produttrice ha come obiettivo quello di dare prodotti di alta qualità ad un prezzo finale ragionevole e direi che anche in questo caso l’obiettivo è stato raggiunto. Infatti il costo di una confezione da 120 compresse si aggira attorno ai 35€ e, al dosaggio consigliato, consente ben 2 mesi di trattamento.

Effetti indesiderati

Trattandosi di un integratore di libera vendita non si può parlare di effetti collaterali veri e propri. Tuttalpiù, dato che l’ingrediente principale è serenoa repens, vanno considerati gli eventuali fastidi a livello gastro-intestinale che l’estratto può dare in persone sensibili. Se hai dubbi, o sai di avere intolleranze e allergie ad alcuni dei componenti, è sempre caldamente consigliato rivolgersi al medico curante.

Conclusioni

E’ un progetto che i tecnici Wilco avevano in cantiere da anni e grazie alla loro esperienza e passione sono riusciti a mettere a punto una formulazione innovativa con le migliori sostanze naturali a comprovata azione antiandrogena unite ad ingredienti con proprietà antiossidanti che contrastano l’azione dei radicali liberi (cosa positiva in generale). Il tutto ai corretti dosaggi in base agli studi che ho linkato (e che trovi nella bibliografia in fondo alla pagina).

Ovviamente DHT Blocker va assunto come prodotto all in one e quindi, se decidi di provarlo, dovresti interrompere eventuali assunzioni di serenoa, olio di semi di zucca o altri anti DHT onde evitare di creare sovrapposizioni. Infatti come dico spesso, “di più” non è necessariamente “meglio”.

Concludo quindi dicendo che, secondo me, al momento in cui scrivo il presente articolo, Vitaminity DHT Blocker Complex è il miglior prodotto anti dht tra i naturali e dovrebbe essere preso seriamente in considerazione da chi non può o non vuole assumere finasteride o dutasteride.

Se hai domande o dubbi da chiarire, lascia un commento nell’apposito spazio in fondo alla pagina.

 

Ti potrebbe interessare:


Bibliografia:

  1. Ishani, A., MacDonald, R., Nelson, D., Rutks, I., & Wilt, T. (2000). Pygeum africanum for the treatment of patients with benign prostatic hyperplasia: a systematic review and quantitative meta-analysis. The American Journal Of Medicine, 109(8), 654-664. doi: 10.1016/s0002-9343(00)00604-5
  2. Safarinejad, M. (2006). Urtica dioica for Treatment of Benign Prostatic Hyperplasia. Journal Of Herbal Pharmacotherapy 5(4), 1-11. doi: 10.1300/j157v05n04_01
  3. Lund, T., Blake, C., Bu, L., Hamaker, A., & Lephart, E. (2011). Equol an isoflavonoid: potential for improved prostate health, in vitro and in vivo evidenceReproductive Biology And Endocrinology9(1), 4. doi: 10.1186/1477-7827-9-4
  4. Anderson, M. (2005). A Preliminary Investigation of the Enzymatic Inhibition of 5α-Reductase and Growth of Prostatic Carcinoma Cell Line LNCap-FGC by Natural Astaxanthin and Saw Palmetto Lipid Extract In VitroJournal Of Herbal Pharmacotherapy5(1), 17-26. doi: 10.1300/j157v05n01_03

Lascia un commento:

Shares
Share This