Minoxidil e barba ?!? In molti si staranno chiedendo quale correlazione ci sia tra i due termini, però negli ultimi tempi ho ricevuto parecchie richieste in tal senso tramite la posta del sito e la pagina facebook… quindi ho pensato potesse essere utile pubblicare un articolo informativo su questo argomento.

In effetti nella nostra guida sul Minoxidil, abbiamo spiegato in modo molto approfondito l’utilizzo di questo farmaco nella cura dell’alopecia androgenetica. Inoltre ricordiamo che assieme a finasteride costituiscono gli unici farmaci approvati dalla FDA statunitense per contrastare la calvizie.

Tuttavia, complice probabilmente il fatto che negli ultimi anni è diventato alla moda portare la barba lunga, in molti cercano sistemi per averla folta e rigogliosa e il minoxidil per le sue modalità d’azione potrebbe rivelarsi un’arma più che buona

Come agisce Minoxidil: un breve riassunto

Per chi non avesse voglia di leggersi la guida principale, cercherò di riportare nella maniera più sintetica possibile il modo in cui il principio attivo agisce e capire quindi se minoxidil per la barba può essere utile.

Le proprietà principali del farmaco sono:

  • Forzare i peli a rimanere in anagen, ossia la fase attiva del ciclo pilifero in cui il pelo cresce. Nelle zone di applicazione dunque i peli saranno sincronizzati in maggioranza in tale fase aumentando la loro lunghezza e spessore
  • Favorire l’apporto di sostanze nutritive ai follicoli dato che Minoxidil è un forte vasodilatatore.

 Perché la Barba può diradarsi?

alopecia barba

Prima di ricorrere al minoxidil pensando che possa essere la soluzione certa per avere la barba folta che hai sempre desiderato, bisogna considerare che ci sono alcune patologie che possono provocare diradamento o perdita totale dei peli nelle zone colpite.

Ed è un problema tutt’altro che raro, infatti come potete vedere dalla foto, anche l’attore Keanu Reeves ne ha sofferto in passato.

Queste patologie sono, ad esempio:

  • Alopecia Areata: si tratta di una patologia autoimmune in cui il sistema immunitario attacca i follicoli piliferi riconoscendoli come nemici. Può colpire un po’ ovunque nella testa (quindi anche in zona barba) Le aree colpite appaiono totalmente glabre e in questi casi è opportuno ricorrere a terapie a base di farmaci immunosoppressivi e corticosteroidi.
  • Dermatite seborroica al volto: è un’infiammazione cutanea caratterizzata da irritazione e desquamazione che nei casi più gravi può portare alla perdita dei peli nelle zone interessate. In questi casi è opportuno riportare la situazione alla normalità grazie a farmaci specifici. Addirittura l’uso del minoxidil potrebbe essere anche peggiorativo dato che il glicole propilenico contenuto in molti preparati industriali favorisce l’irritazione.
  • Infezioni micotiche: si tratta di manifestazioni dovute ad organismi dermatofiti (più comunemente noti come “funghi”) e nel caso specifico è la Tinea Barbae. Nelle zone in cui colpisce si assiste ad una caduta del pelo che non ricresce fino al ripristino della situazione. Anche qui la terapia di base consiste in antimicotici (molto indicato il ketoconazolo)
  • Zona geneticamente poco dotata di follicoli piliferi. Qui c’è poco da fare… se la genetica ha fatto si che la densità follicolare sia bassa… non ci sono farmaci al mondo in grado di creare bulbi piliferi dove non ci sono.

Nei casi sopracitati è inutile sperare nel minoxidil per infoltire la barba, poiché le cause sono altre.

Minoxidil e Barba: Quando può essere utile?

minoxidil foam barbaA differenza di finasteride che è un potente antiandrogeno, il minoxidil non agisce su base ormonale e pertanto può esplicare la sua azione in tutte le zone dove sono presenti follicoli piliferi indifferentemente dal fatto che queste siano sensibili o meno al DHT.

Difatti nelle indicazioni d’uso viene riportato di applicarlo solo nelle zone interessate onde evitare la comparsa di peli indesiderati.

Dunque, se non ci troviamo di fronte ad uno dei casi elencati nel paragrafo precedente (in cui abbiamo visto che le cause sono a monte), ma il problema è semplicemente una barba poco folta, le proprietà stimolanti e regolanti il ciclo pilifero del minoxidil possono dare risultati positivi.

Esiste un protocollo ufficialmente approvato?

stopATTENZIONE: è doveroso precisare che la Food & Drugs Administration (FDA) NON ha approvato il minoxidil per uso sul viso per il semplice fatto che ad oggi sono stati fatti pochi studi per certificare l’assoluta sicurezza del farmaco anche in questa modalità di utilizzo.

O meglio, a dire il vero, io sono riuscito a trovarne solo uno pubblicato a febbraio 2016 su The Journal of Dermatology ma come potete vedere cliccando , il link a Pubmed non riporta i dati probabilmente per questione di copyright. Ottenere una copia per uso personale è semplicissimo ed io l’ho avuta in nemmeno 24 ore, ma mi guardo bene dal pubblicarla sul mio sito.

Se vi fidate della mia traduzione, lo studio vuole valutare Efficacia e Sicurezza di Minoxidil 3% in lozione per infoltire la Barba e consiste in una verifica in doppio cieco con un gruppo di controllo e uno a placebo:

  • sono stati scelti 48 uomini di età tra i 20 e i 60 anni e suddivisi in 2 gruppi
  • i criteri di esclusione in fase di selezione scartarono coloro che nei 6 mesi precedenti hanno manifestato patologie relative alla barba.
  • entrambi i gruppi dovevano applicare 0,5 ml della lozione loro assegnata per 2 volte al giorno
  • lo studio ha avuto una durata di 16 settimane

Al termine del test il gruppo sottoposto a minoxidil presentava un netto incremento nella conta dei peli mentre nel gruppo a placebo questa era rimasta praticamente invariata, mentre non ci sono state significative variazioni nel diametro dei peli stessi tra i 2 gruppi.

Gli effetti indesiderati sono stati lievi e non statisticamente rilevanti in entrambi i gruppi. Lo studio quindi ha dimostrato che minoxidil al 3% è efficace e ragionevolmente sicuro per l’utilizzo sulla barba.

Cercando in rete ho trovato qualcuno che ha pubblicato, a suo rischio e pericolo, lo studio su un servizio di condivisione a questo link … e fin che rimarrà online potete dare un’occhiata allo studio orginale.

Di fatto però ancora NON è stato approvato dalla FDA per tale scopo e, ad oggi,non esiste una terapia ufficiale e un dosaggio relativo all’infoltimento della barba con minoxidil, quindi sarà decisamente improbabile trovare un dermatologo che vi faccia la prescrizione. Anche nel caso riusciste nell’impresa si tratterebbe comunque di prescrizione off-label.

Le perplessità sollevate dai medici specializzati riguardano soprattutto l’estrema tossicità del minoxidil assunto oralmente (guai ad ingerire la lozione!). Anche il glicole propilenico contenuto in percentuali superiori al 50% nella maggior parte dei preparati industriali risulta essere tossico sia per ingestione che per inalazione e visto che la zona di applicazione è particolarmente vicina alla bocca e al naso, si suggerisce di fare parecchia attenzione e possibilmente evitare la zona dei baffi.

Questi fatti saranno certamente stati presi in considerazione in uno studio sotto controllo medico, però in una cura fai da te potrebbero rappresentare un fattore di rischio.

Minoxidil Barba: risultati ottenibili

Se non fosse per quell’unico studio che ho citato sopra, potrebbe venire il dubbio che utilizzare questo metodo per infoltire la barba possa essere una perdita di tempo anche in virtù del fatto è difficile ottenere la prescrizione dal dermatologo.

Tuttavia, dato che ad oggi il minoxidil industriale è acquistabile senza ricetta medica, non è raro trovare su forum di settore quali Bellicapelli dei thread di utenti che hanno deciso di testare su se stessi questo approccio.

In linea di massima, salvo i casi di patologie che abbiamo visto qualche paragrafo sopra, si ottengono risultati incoraggianti nel giro di circa 6 mesi sia con 1 che con 2 applicazioni giornaliere. Inoltre sembra che non crei problemi alla sospensione come invece accade nei casi di alopecia androgenetica, probabilmente per il fatto che si va ad agire su zone in cui non è presente una miniaturizzazione da DHT e quindi una volta stimolato il bulbo quiescente questo continua a produrre il pelo.

E’ comunque sempre preferibile evitare brusche interruzioni del minoxidil e staccare il farmaco gradualmente onde scongiurare qualsiasi possibilità di effluvio.

Preciso ovviamente che queste sono solo mie supposizioni non supportate da alcuno studio scientifico e derivanti dalla lettura di questi tentativi fatti da utenti di forum.

Ecco di seguito qualche immagine che mostra un esempio di risultati ottenuti:

Modalità di Applicazione ed Effetti collaterali

Trattandosi del medesimo farmaco utilizzato anche sul cuoio capelluto, è evidente che va applicato allo stesso modo e gli eventuali effetti collaterali o indicazioni rimangono le stesse. Pertanto per chi volesse approfondire inviatiamo alla lettura dell’articolo Minoxidil Funziona? Ecco la Guida Completa

Conclusioni

Per concludere questa, spero utile, disamina sul tema minoxidil barba, possiamo affermare che ad oggi l’uso del minoxidil per l’infoltimento della barba è un approccio sperimentale e nessun medico ve lo prescriverebbe per quello scopo come indicato nel paragrafo precedente.

Chi ha provato, e non aveva alla base patologie pregresse tipo alopecia areata, dermatite o funghi, ha ottenuto risultati buoni che sono rimasti anche alla sospensione del trattamento.

Personalmente, e chi mi legge da tempo lo potrà confermare, sono contrario all’utilizzo di cure farmacologiche senza essere seguiti dal medico e ho deciso di scrivere questo articolo in quanto ho ricevuto parecchie richieste ed esiste comunque uno studio pubblicato che certifica la sicurezza di questo protocollo.

E’ ovvio che non mi cimenterei mai in un test del genere, oltretutto non mi è mai interessato avere la barba folta e, diciamocelo… già è una rottura mettere il minoxidil sui capelli tutte le sere… quindi di aggiungere ulteriore tempo proprio non mi va 😉

E voi avete testato il minoxidil sulla barba? Avete ottenuto risultati? Scrivetelo nell’apposito box dei commenti qui sotto.



Lascia un Commento:

Share This