Dato che ultimamente stanno aumentando sempre più, sia nei commenti agli articoli che nei messaggi ricevuti tramite i vari moduli di contatto sparsi per il sito, le richieste del tipo: “come è composta la tua lozione?“, “quante volte al giorno applichi il minoxidil?“, “usi Propecia o Proscar spezzato?“… ho deciso di tenere in questa piccola e semplice pagina quella che è ad oggi la mia terapia contro la calvizie.

In pratica qui troverai esclusivamente la terapia che attualmente sto seguendo per contrastare l’alopecia androgenetica e che aggiornerò regolarmente in caso di modifiche.

Preciso fin d’ora che si tratta di terapie prescrittemi dal mio dermatologo esperto in tricologia e per ottenere i relativi farmaci è obbligatoria la ricetta medica. Inoltre il fatto che io abbia ottenuto i risultati che potete vedere nel report indicato sopra, non significa che “copiando la cura” anche tu otterrai altrettanto. Consiglio sempre di farsi seguire da medici specializzati per ottenere diagnosi precise e terapie adatte al proprio caso specifico.

Fatte le doverose premesse, effettivamente, controllando il report personale che mostra il mio percorso di cure in quasi 5 anni, mi sono accorto di aver curato maggiormente l’esposizione delle varie foto, analisi ormonali, ecc… ma ad esempio non avevo mai messo la composizione della lozione che applico dal luglio 2014. Ecco perché in molti me la chiedevate 🙂

Lozione Minoxidil e Antiandrogeni

Dunque partiamo proprio dalla lozione di minoxidil e antiandrogeni topici che proprio dal mese di gennaio 2019, in seguito a visita presso il Dottor Paolo Gigli, applico 4 giorni a settimana dal lunedì al giovedì (per i primi 3 anni l’assunzione era 7 giorni su 7).

La composizione è la seguente:

  • Minoxidil base 5%
  • Idrocortisone butirrato 0,07%
  • Progesterone 1%
  • 17 alfa estradiolo 0,025%
  • Transcutol 7%
  • Alcool 96° q.b. a 100

Faccio una sola applicazione serale da 2-3 ml, ma non sto a fossilizzarmi troppo sui millilitri, uso quello che mi serve per coprire l’area interessata, ossia tutta la parte superiore del capo, dal front alla chierica.

Anti DHT sistemico

Sempre su indicazione del medico, assumo finasteride 1 mg a giorni alterni (per i primi 2 anni la assumevo giornalmente). Utilizzo in realtà delle pastiglie di finasteride generica 5 mg tagliate in quartini, quindi il quantitativo preciso sarebbe 1,25 mg.

Però considerato che nel taglio un pò di prodotto va perso, sbriciolato o quant’altro, presumo di non allontanarmi molto dalla dose di 1 mg prescrittami.

Non metto la marca poiché la reputo indifferente e in pratica prendo quella che capita e che hanno disponibile nella farmacia in cui mi reco. Diciamo che mi trovo meglio con quelle rotonde e facili da tagliare tipo EG, Sandoz, o Teva, però il mio non vuole assolutamente essere un apprezzamento sulla maggior efficacia di una marca rispetto all’altra.

A mio modo di vedere infatti, se acquistate regolarmente presso farmacie italiane, le varie tipologie di finasteride sono tutte uguali e sicure. Diverso invece se si ricorre ad acquisti on line dove il rischio di incappare in prodotti contraffatti è assai più elevato. Oltretutto ricordo che è illegale acquistare farmaci su internet e senza ricetta medica.

Conclusioni

Spero di aver fatto cosa gradita a riassumere la terapia che seguo in questa breve pagina… e se per caso non è così… beh… per lo meno quando mi viene richiesta avrò solo un semplice link da inviare. Quindi è senza dubbio più comodo per me 🙂

Dimenticavo, l’immagine all’inizio di questo articolo ha carattere puramente “scenografico”… non è che io le pastiglie di finasteride le taglio a decine. Taglio solo una compressa per volta ottenendo le 4 parti che utilizzerò a giorni alterni. Insomma non mi faccio scorte di fina tagliata.  

Per chiarimenti e domande non esitare a lasciare un commento nell’apposita area in fondo a questa pagina.

Potrebbe interessarti:

Lascia un commento:

Shares
Share This