L’argomento finasteride effetti collaterali è certamente uno dei più controversi e dibattuti quando si fanno ricerche nel web. Nei vari forum specializzati sul tema calvizie spesso si accendono delle vere e proprie diatribe tra sostenitori e detrattori del farmaco con la creazione addirittura di forum dedicati totalmente all’argomento dei sides da finasteride.

Effetti Collaterali Finasteride: esistono oppure no?

Nell’introduzione ho evidenziato “quando si fanno ricerche nel web” perché è il solo ambito in cui si trovano tante e controverse notizie che arrivano anche a dipingere finasteride come un vero “mostro” che provoca gli effetti collaterali più disastrosi e inattesi. E molte volte i fautori di queste posizioni nemmeno hanno mai utilizzato il farmaco o, se lo hanno fatto, il periodo di tempo è stato davvero troppo breve per poter vedere qualsivoglia effetto… sia positivo che negativo.

Spessissimo infatti capita di leggere di persone che accusano effetti collaterali da finasteride dopo pochissimi giorni di utilizzo e in alcuni casi addirittura dopo la prima compressa assunta. Tali tempistiche sono davvero troppo brevi per poter notare cambiamenti di qualsiasi tipo. Difatti nell’articolo Finasteride e Capelli: Tutto quello che c’è da sapere avete visto che la modalità con cui agisce il farmaco è quella di inibire la conversione del testosterone in DHT.

maschile e femminile

Senza entrare troppo nei tecnicismi di come funziona il sistema endocrino maschile, l’importante è sapere che esso cercherà in qualsiasi modo di tenere l’omeostasi, ossia il corretto rapporto tra testosterone ed estrogeni (ormoni femminili presenti in piccole quantità anche nei maschi). 

Se si cerca di forzare una variazione di questo rapporto il sistema cercherà di riequilibrare il tutto. E’ certamente possibile che il testosterone non convertito in DHT venga interpretato dal nostro sistema ormonale come un eccesso che sbilancia il rapporto testosterone/estrogeni e per provvedere a ripristinarlo altro non fa che utilizzare l’enzima aromatasi che converte tale eccedenza in estrogeni ribilanciando il tutto.

Tuttavia la capacità di mantenere l’omeostasi, non è istantanea ma indicativamente occorro almeno 2-3 settimane prima che il nostro corpo si “accorga” di qualcosa e decida di porvi rimedio.

Per questo quando leggo di effetti collaterali comparsi in tempi brevissimi o addirittura dopo la prima compressa, mi viene da pensare a casi di individui estremamente suggestionabili. La stessa cosa d’altro canto vale anche per i miglioramenti sui capelli visti in pochi giorni/settimane che sono semplicemente impossibili per le modalità di funzionamento della finasteride.

I problemi dovuti ad eccesso di estrogeni invece possono certamente accadere e sono all’origine degli effetti indesiderati quali di calo del desiderio, disfunzione erettile, ritenzione idrica, ginecomastia, ecc…. che trovate elencati poco più avanti. Personalmente sono l’unica tipologia di effetti collaterali da finasteride a cui credo.

In linea di massima però l’incremento di testosterone non convertito rientra ampiamente nei range fisiologici e si aggira a circa un 10%. Quindi non è che ci sia poi tutto questo testosterone da convertire in estrogeni ed è per questo che, fortunatamente, gli effetti collaterali da innalzamento degli estrogeni colpiscano un numero molto limitato di persone.

La domanda “Finasteride Effetti Collaterali: Esistono si o no?” che fa da titolo a questo paragrafo, è volutamente provocatoria in quanto non è assolutamente mia intenzione negare l’esistenza degli effetti collaterali poiché è una prerogativa di qualsiasi farmaco.
effetti collateral si no

Basti pensare che persino la banalissima aspirina ha una lista di effetti collaterali che se la leggeste vi passerebbe la voglia di assumerla.

Difatti possono essere anche parecchio gravi, da ulcere ed emorragie gastriche, fino a Sindrome di Reye (che coinvolge cervello e fegato) ed emorragia cerebrale. Il tutto con una normalissima aspirina… incredibile vero?

E proprio qui sta il punto: quanti di voi si sono messi a leggere i possibili effetti indesiderati dell’aspirina o di qualunque altro farmaco di uso comune?

Presumo che lo abbiano fatto estremamente in pochi, mentre la maggior parte si limita ad assumerla fidandosi del proprio medico o addirittura senza nemmeno interpellarlo (cosa sbagliatissima).

Perché sul web sembra che i sides colpiscano la maggioranza?

Capisco che l’esempio dell’aspirina possa apparire estremizzato, però lo scopo è quello di far passare il concetto che gli effetti collaterali sono una rara eccezione che purtroppo si verifica in alcune sfortunate circostanze, mentre da ciò che si legge in rete sembra che i sides siano la regola e solo pochissimi escano incolumi dall’utilizzo di finasteride.

Sicuramente a dare questa impressione contribuisce il fatto che, come in tutti i settori, sono tendenzialmente gli utenti insoddisfatti o che rilevano effetti collaterali ad informarsi nel web e porre domande nei siti che affrontano la problematica, mentre coloro che come me la assumono ed oltre ad avere ottimi risultati non accusano nemmeno sides non è che aprono thread nei forum per elogiare finasteride. E la cosa accade un pò in tutti i campi, ad esempio in base alla mia esperienza di appassionato di automobili ho riscontrato nei forum di qualsiasi marchio automobilistico una netta predominanza di gente che lamenta difetti della propria vettura e se ci si dovesse limitare a consultare solo quelle fonti si potrebbe pensare che tutte le auto, dalla Panda alla BMW, siano dei veri e propri rottami. Ma la stessa cosa vale nel campo dell’elettronica, telefonia, ecc….insomma su internet tendono a scrivere molto di più coloro che sono insoddisfatti rispetto a coloro a cui va tutto bene.

Effetti Collaterali Finasteride

finasteride effetti collaterali

Dopo questa breve digressione, torniamo a parlare di effetti collaterali della finasteride. Come dicevo, non è certo mia intenzione negarne l’esistenza però ritengo una buona scelta affidarsi (oltre che al proprio medico) a quanto riportato nel foglietto illustrativo alla voce “Propecia effetti collaterali”.

Con grande sorpresa di chi sostiene teorie complottiste della lobby dei farmaci, si può notare che nel bugiardino sono riportati la stragrande maggioranza degli effetti indesiderati che inondano il web, tra cui:

  • Patologie dell’apparato riproduttivo: Disfunzione Erettile, variazione consistenza liquido seminale, dolore testicolare, infertilità e dolorabilità alla mammella
  • Disturbi Psichiatrici: diminuzione della libido e umore depresso
  • Possibilità persistenza dei disturbi anche dopo la sospensione del farmaco: da notare che Persistenza non significa Permanenza e in genere i problemi rientrano dopo la sospensione

Quindi è evidente nessuno cerca di occultare o nascondere alcun che. Inoltre mi viene da pensare che molto spesso molti non si informino adeguatamente prima e nemmeno si prendano la briga di leggere il bugiardino di Propecia.

Se poi fate ricerche su google… usciranno risultati di ogni tipo, tanto che se cercate “finasteride e ginocchio” non mi stupirei se la ricerca desse esito positivo.

Finasteride Effetti Collaterali: Sides Mentali

brain fogUna tipologia di effetti collaterali della finasteride di cui avrete sentito parlare nel web, è certamente quella dei “sides mentali” che differiscono dai “Disturbi Psichiatrici” elencati nel foglietto illustrativo di Propecia. Tale tipologia di effetto collaterale si basa su alcuni studi dove si dimostra la capacità di finasteride di modificare i livelli di alcuni neurosteroidi presenti nel cervello e favorire quindi l’insorgenza di difficoltà di concentrazione (brain fog), problemi di memoria, ecc….

Tuttavia se esaminate gli studi in questione, potrete notare come TUTTI quelli che vengono portati come “cavalli di battaglia” siano stati effettuati su TOPI e a dosaggi elevatissimi che vanno dai 3 mg/KG fino anche ai 20 mg/KG AL GIORNO. Per intenderci è come se ad un umano adulto di 80kg facessimo assumere 1600 compresse di Propecia 1 mg AL GIORNO. Mi sembra chiaro che a tali spropositati dosaggi gli effetti sui neurosterodi siano il minimo che si possa verificare. E’ come se si parlasse di assumere 1600 aspirine al giorno…. molto probabilmente non sopravvivereste nemmeno alla prima giornata.

Di studi fatti sull’uomo a dosaggi previsti per AGA e su un numero rilevante di persone che dimostrino queste alterazioni sinceramente ad oggi non sono riuscito a trovarne nessuno.

Finasteride e Disfunzione Erettile: Uno Studio Rassicurante

propecia effetti collateraliDa sempre quindi sono alla ricerca di studi fatti su esseri umani che dimostrino effetti collaterali da finasteride diversi da quelli specificati sul bugiardino al dosaggio di 1 mg previsto per Alopecia Androgenetica e fino a settembre 2016 per quanto mi riguarda non ero mai riuscito a trovarne. Qualcosa si trova sul dosaggio di 5 mg previsto per IPB ma comunque i sides sono sempre quelli del foglietto illustrativo.

Da settembre invece è uscito lo studio pubblicato sul British Medical Journal redatto dal “Surveillance Program Boston Collaborative Drug” della Boston University e finalmente effettuato su esseri umani a dosaggi adeguati. Di seguito il link a Pubmed per chi volesse leggerlo direttamente: Rischio di Disfunzione Erettile associata all’uso di inibitori alfa 5 reduttasi per IPB e Alopecia Androgenetica.

E’ stato preso in esame un considerevole campione di individui trattati con inibitori della alfa 5 riduttasi, e più precisamente:

  • 70000 soggetti di età maggiore di 40 anni con ipertrofia prostatica benigna, senza problemi sessuali ad essa associati, tutti trattati con finasteride 5mg (proscar o equivalente) o Dutasteride.
  • 500 soggetti di età tra i 18 e i 59 anni con alopecia androgenetica trattati con finasteride 1mg (propecia o equivalente)
  • 12000 soggetti tra i 18 e i 59 anni con alopecia androgenetica, ma non curati con Propecia 1mg, come gruppo di controllo.

Sebbene qualcuno potrebbe obiettare che il numero di soggetti con calvizie maschile trattati con Propecia sia basso, innanzitutto faccio notare che è il primo studio che leggo dove vengono esaminati 500 soggetti per il solo problema della calvizie, inoltre va ricordato che lo scopo era quello di evidenziare l’entità del rischio di Disfunzione Erettile in soggetti che usano farmaci inibitori della alfa 5 reduttasi e pertanto i 70000 uomini colpiti da IPB assumono un dosaggio 5 volte superiore a quelli colpiti da Alopecia Androgenetica. Possiamo dire quindi che per la prima volta il numero di individui coinvolto è rilevante.

I risultati, sintetizzando (ma per chi vuole qui sopra trovate il link allo studio) dicono che:

  • nei 70000 soggetti a IPB il rischio di disfunzione erettile non è incrementato dall’uso di inibitori della alfa 5 riduttasi .L’unico fattore di incremento del rischio dipende da quanto tempo si protrae la patologia indipendentemente dall’esposizione a finasteride o altri inibitori
  • nei circa 12500 soggetti aventi alopecia androgenetica, di cui 500 trattati con finasteride 1 mg, non si sono verificate significative differenze sul rischio di disfunzione erettile tra individui trattati e individui puliti.

Quindi riassumendo:

  • da anni cercavo uno studio effettuato non su topi ma su esseri umani
  • a dosaggi previsti per uso sull’uomo
  • che comprendesse un campione ragguardevole (ho visto pseudo studi fatti su meno di 10 persone scelte tramite questionari)

Ho trovato uno studio che soddisfacesse questi requisiti e, guarda caso, l’incidenza di problemi di disfunzione erettile si è rivelata essere uguale tra soggetti trattati con finasteride 1 mg o 5 mg e il gruppo di controllo che non assumeva farmaci.

In genere preferisco prendere informazioni dagli studi completi che nella maggior parte dei casi sono in inglese, ma per questo specifico studio ho trovato anche un articolo su Medicitalia.it che ne parla in modo specifico, è ben fatto e in italiano. Per chi volesse dare un occhiata Finasteride, Dutasteride e Problemi Sessuali.

Il concetto che vorrei cercare di trasmettere è che gli effetti collaterali di finasteride, pur non negandone assolutamente l’esistenza, rappresentano una rara e sfortunata eccezione e non la regola.

Sindrome Post Finasteride

sindrome post finasterideQuando si affronta il tema finasteride effetti collaterali, non si può non affrontare anche solo marginalmente l’argomento sindrome post finasteride. Con tale termine si intende la comparsa di effetti collaterali non tanto durante l’assunzione del farmaco bensì alla sua dismissione. I sides elencati sono i più svariati e nel web le ricerche vertono più su questo argomento che non sui risultati positivi, con tanto di siti e forum anche molto famosi. Gli articoli postati sono causa di diatribe sui principali forum di settore anche nazionali tra i sostenitori dell’esistenza di tale sindrome e chi invece nega tutto ciò.

Tuttavia per il mio modo molto razionale di interpretare le cose, preferisco sempre cercare dati per documentare le mie interpretazioni e nonostante la forza con cui i sostenitori della PFS sostengano le loro tesi, nei vari confronti che ho avuto con loro sui forum italiani, mi sono sempre stati proposti i soliti studi effettuati su topi a dosaggi migliaia di volte superiori a quelli previsti per l’uso sull’uomo e a domande di chiarimenti mi è parso di capire che si fossero limitati a leggere a mala pena i titoli senza approfondire. Inutile dire che nella maggior parte dei casi tali confronti finiscono con “l’abbandono” di colui che ha iniziato la discussione.

Personalmente invece preferisco sempre approfondire e per tanto spesso mi trovo al leggere documentazione riguardante la sindrome post finasteride. Tuttavia cercando nel sito ufficiale della Post Finasteride Syndrome Foundation (quindi chi più di loro è sostenitore dell’esistenza di tale patologia?) potrete trovare un articolo dedicato al programma Vigibase, il più vasto database per la farmaco vigilanza a livello mondiale aperto al pubblico da Aprile 2015 (consultatbile tramite VigiAcces). Praticamente è il database che raccoglie tutte le segnalazioni di effetti collaterali effettuate dagli utilizzatori di farmaci nel mondo. Avete presente quella voce presente in tutti i foglietti illustrativi che dice “in caso di effetti indesiderati non presenti sul presente documento fatene segnalazione al vostro medico o farmacista” ? Ebbene è al Vigibase che tali segnalazioni vanno a finire.

La fondazione della sindrome post finasteride raccomanda inoltre di effettuare le segnalazioni a coloro che accusano tale patologia, tuttavia leggendo l’articolo che trovate QUI senza soffermarsi sulle miriadi e effetti collaterali terrificanti… quello che mi ha colpito è il numero di segnalazioni effettuate dall’anno 1993 al luglio 2016, ossia solamente 13344 in ….23 anni!! Il tutto a fronte di decine di milioni di prescrizioni avvenute nel mondo come potete dedurre da questo Bilancio Merck dove a pag 30 si vede che in soli 9 mesi del 2014 e solo con Propecia ha fatturato 197 milioni di dollari pari a circa 3500000 di confezioni vendute. Per altre annate potete consultare Annual Pharmaceutical Drug Sales che purtroppo è aggiornato solo fino al 2008, però mostra come la Merck fatturasse regolarmente cifre attorno ai 400 milioni di dollari con Propecia (doveva ancora scadere il brevetto) e cifre ancora più alte con Proscar.

Significa quindi milioni di prescrizioni all’anno per 23 anni (e senza considerare i generici che sono in commercio da quando sono scaduti i brevetti). Il ragionamento che faccio è semplicemente questo: si vuole dipingere finasteride come un farmaco che provoca effetti collaterali devastanti e la tenacia di chi sostiene la sindrome post finasteride è tale da voler far passare il concetto che praticamente tutti prima o poi verranno colpiti da effetti collaterali. Però in 23 anni e a fronte di decine di milioni di confezioni vendute e quindi di utilizzatori in tutto il mondo…. solo 13344 avrebbero segnalato il problema all’archivio mondiale della farmaco vigilanza? Si tratta di meno di 600 persone all’anno in tutto il mondo a fronte di quasi 4000000 di solo Propecia nello stesso periodo di tempo. 

Questo a maggior ragione mi fa sostenere ancor di più la tesi che gli effetti collaterali non sono la regola ma una rara e sfortunata eventualità e oltretutto tali dati sono postati niente meno che sul sito pfsfoundation.org certamente autorevole in tema di effetti collaterali finasteride.

Altri studi e documentazione ufficiale

Male Androgenetic Alopecia scritto da William Cranwell e Rodney Sinclair della University of Melbourne (Department of Medicine) aggiornato al febbraio 2016 quindi piuttosto recente e pubblicato su pubmed. Tratta molto bene diversi aspetti della alopecia androgenetica e in merito agli effetti collaterali dice “Adverse effects, including sexual dysfunction (erectile dysfunction, low libido, anorgasmia) are uncommon, and most often revolve without discontinuing treatment. Inoltre fa anche considerazioni sugli effetti collaterali permanenti dicendo “Permanent sexual adverse effects have been reported on social media and internet forums, however the true incidence is unknown” da cui si evince che buona parte di ciò che si legge a riguardo non è documentato e deriva da social e forum.

Conclusioni

Per concludere, quello che mi sento di dire è che pur essendo il tema finasteride effetti collaterali molto dibattuto sul web, allo stato attuale gli studi mostrano il farmaco come sicuro.

Capisco che tali affermazioni possano sembrare superficiali e magari anche poco rispettose a chi è colpito dagli effetti collaterali, però anche da quanto sostenuto dalla sindrome post-finasteride foundation, pur mostrando toni allarmistici, di fatto con dati alla mano aggiornati a luglio 2016 (che potete vedere sopra) non si può negare che i sides hanno davvero una incidenza assai limitata come è giusto che sia per qualsiasi farmaco. Quindi a mio avviso tutto l’allarmismo che si vede in rete non è giustificato.

Va ricordato inoltre che Finasteride 1mg è comunque un farmaco approvato per la cura del AGA fin dal 1996 dalla Food And Drug Administration ed è risaputa la severità di tale ente nel dare il suo benestare. Penso che in oltre 20 anni se finasteride fosse un farmaco così pericoloso sarebbe stato tolto dal commercio da molto tempo.

Quindi se soffrite di alopecia androgenetica e volete provare una cura con finasteride, non fatevi allarmare dalle cose terrificanti che leggete sul web. Affidatevi invece ad un medico competente e seguite i suoi consigli poiché i risultati che si possono ottenere sono davvero notevoli come potete vedere nel mio caso personale.

Qualora doveste rientrare nella sfortunata minoranza che ha effetti collaterali da finasteride, semplicemente smettete e nel giro di qualche tempo tutto rientrerà nella normalità.

Personalmente oltretutto in 3 anni di assunzione non ho avuto praticamente alcun effetto collaterale e se magari mi fossi lasciato intimorire da tutto ciò che ho letto non avrei nemmeno iniziato precludendomi delle belle soddisfazioni.

Se avete delle domande da fare, o avete visto informazioni con corrette, lasciate pure commenti qui sotto o contattateci 🙂



Lascia un Commento:

Share This